Loading...
 

Guidelines on prevention and treatment of vitamin D deficiency – Nov 2011

Reumatismo. 2011 Nov 9;63(3):129-47. doi: 10.4081/reumatismo.2011.129.
Adami S, Romagnoli E, Carnevale V, Scillitani A, Giusti A, Rossini M, Gatti D, Nuti R, Minisola S.
Unità di Reumatologia, Dipartimento di Medicina, Università di Verona. Silvano.adami at univr.it.
The Italian Society for Osteoporosis, Mineral Metabolism and Bone Diseases (SIOMMMS) has elaborated the following guidelines about the definition, prevention and treatment of inadequate vitamin D status.
The highlights are presented here.

PMID: 22257914
- - - - - - - - - -
HTML from PDF is in Italian – the Chrome Browser will ask if you want it translated

How to expand then magnify and shrink this page

  1. Expand the page by hitting the left triangle at the top of this column Image
  2. Push the ctrl and + keys concurrently with magnify any web page about 10%. You can do it multiple times
  3. Pushing the ctrl and - keys concurrently will shrink any web page by about 10% as well.

Summary

  • Daily vitamin D allowance ranges from 1,500 IU (healthy adults) to 2,300 IU (elderly with low calcium intake).
    Since the average Italian diet includes around 300 IU/day, subjects with no effective sun exposure should be supplemented with 1,200-2,000 IU vitamin D per day.
  • The serum 25-hydroxy-vitamin D [25(OH)D] levels represents the most accurate way to assess vitamin D repletion, even though there are still no standardized assay methods.
  • Conditions of "deficiency" and "insufficiency" are defined by the following ranges of 25(OH)D levels: less than 20 ng/ml and 20-30 ng/ml, respectively.
  • In Italy, approximately 50% of young healthy subjects have vitamin D insufficiency during the winter months.
    The prevalence of deficiency increases with ageing, affecting almost all elderly subjects not on vitamin D supplements.
  • When a condition of deficiency has been identified, a cumulative dose of 300,000-1,000,000 IU, over 1-4 weeks is recommended.
  • In subjects recently treated for deficiency-insufficiency, a maintenance dose of 800-2,000 IU/day (or weekly equivalent) is recommended.
    In patients on daily doses over 1,000 IU, 25(OH)D levels should be checked regularly (e.g. once every two years).
  • The highest tolerated daily dose has been identified as 4,000 IU/day.
  • Vitamin D supplementation should be carefully monitored in patients at higher risk of vitamin D intoxication (granulomatosis) or with primary hyperparathyroidism.
  • In pregnant women, vitamin D supplements should be given as in non-pregnant women, but bolus administration (i.e.: single dose >25,000 IU) should be avoided.

- - - - - - - - - - - - - - -

2210_REUMA3_02_ADAMI.indd
Reumatismo, 2011; 63 (3): 129-147
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
Guidelines on prevention and treatment
of vitamin D deficiency
S. Adami1, E. Romagnoli 2, V. Carnevale2, A. Scillitani3, A. Giusti4, M. Rossini1,
D. Gatti1, R. Nuti5, S. Minisola2
1Unità di Reumatologia, Dipartimento di Medicina, Università di Verona; 2Dipartimento di Medicina, Università La Sapienza, Roma; 3Unità di Endocrinologia, Ospedale S. Giovanni Rotondo, Foggia; 4Ospedale Galliera, Genova, Italia; 5Dipartimento di Medicina, Università degli Studi di Siena
SUMMARY
The Italian Society for Osteoporosis, Minerai Metabolism and Bone Diseases (SIOMMMS) has elaborated the following guidelines about the definition, prevention and treatment of inadequate vitamin D status. The highlights are presented here.
• Daily vitamin D allowance ranges from 1,500 IU (healthy adults) to 2,300 IU (elderly with low calcium intake). Since the average Italian diet includes around 300 IU/day, subjects with no effective sun exposure should be supplemented with 1,200-2,000 IU vitamin D per day.
• The serum 25-hydroxy-vitamin D [25(OH)D] levels represents the most accurate way to assess vitamin D repletion, even though there are still no standardized assay methods.
• Conditions of "deficiency" and "insufficiency" are defined by the following ranges of 25(OH)D levels: less than 20 ng/ml and 20-30 ng/ml, respectively.
• In Italy, approximately 50% of young healthy subjects have vitamin D insufficiency during the winter months. The prevalence of deficiency increases with ageing, affecting almost all elderly subjects not on vitamin D supplements.
• When a condition of deficiency has been identified, a cumulative dose of 300,000-1,000,000 IU, over 1-4 weeks is recommended.
• In subjects recently treated for deficiency-insufficiency, a maintenance dose of 800-2,000 IU/day (or weekly equivalent) is recommended. In patients on daily doses over 1,000 IU, 25(OH)D levels should be checked regularly (e.g. once every two years).
• The highest tolerated daily dose has been identified as 4,000 IU/day.
• Vitamin D supplementation should be carefully monitored in patients at higher risk of vitamin D intoxication (granulomatosis) or with primary hyperparathyroidism.
• In pregnant women, vitamin D supplements should be given as in non-pregnant women, but bolus administra-tion (i.e.: single dose >25,000 IU) should be avoided.
Reumatismo, 2011; 63 (3): 129-147
U FARMACOLOGIA DELLA VITAMINA D
Produzione e metabolismo Le azioni della vitamina D sono da attri­buire al suo metabolita attivo, ossia l'1,25-diidrossicolecalciferolo [1,25(OH)2D3] o calcitriolo, che viene prodotto attraverso una serie di passaggi enzimatici a partire dal colecalciferolo o vitamina D3 L'ergo-calciferolo, o vitamina D2, segue le stesse tappe metaboliche. Sia la vitamina D3 che
la vitamina D2 possono essere assunte con la dieta ma la quota preponderante di vi­tamina D3 deriva dalla conversione del 7-deidrocolesterolo (o provitamina D) (1) a seguito dell'esposizione della cute a raggi ultravioletti di specifica lunghezza d'onda (UVB tra 290 e 315 nm) (2). La luce solare è caratterizzata dalla presenza di queste radiazioni solo per un numero limitato di ore, che peraltro varia in relazione alla stagione ed alla latitudine. Per tale motivo, in Italia, la produzione di vitamina D legata
ndirizzo per la corrispondenza Drof. Silvano Adami Reumatologia Policlinico GB Ross 37100 Verona
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
all'esposizione solare è trascurabile nei me­si invernali. Altri fattori che condizionano fortemente la sintesi vitaminica sono l'età (a parità di esposizione solare il soggetto anziano ne produce il 30% in meno) (3, 4), la superficie e lo spessore della cute esposta al sole, il tempo di irradiazione, nonché l'uso di creme protettive, che pos­sono ridurre del 97% la sintesi cutanea di vitamina D.
Alle latitudini temperate, l'80% del fab­bisogno di vitamina D è garantito dall'ir­radiazione solare ed il restante 20% viene assicurato dall'alimentazione (5). La vita­mina D3 è contenuta quasi esclusivamente nei grassi animali, mentre trascurabile è la quota di vitamina D2 presente in alcuni grassi vegetali.
La vitamina D è fortemente lipo-
replezione vitaminica (5, 7). La 25(OH) D è un metabolita parzialmente idrofilo che si deposita solo a livello epatico e muscolare; la sua emivita è più breve di quella della vitamina D e tale da soddi­sfare il fabbisogno per non più di 12-18 giorni (8, 9). Trascorso tale periodo, nei pazienti con carenza di vitamina D cui sia stato somministrato 25(OH)colecalcifero-lo, dopo la sospensione del trattamento i livelli sierici di 25(OH)D tendono a ridursi rapidamente; la somministrazione di dosi mensili più elevate di calcifediolo supera questo problema (10). La conversione in 1,25(OH)2D3 (o calcitrio-lo) ad opera della 1-alfa-idrossilasi è attuata a livello di vari tessuti (vedi sotto) sebbene la quota più rilevante e attinente il controllo del metabolismo minerale si realizzi nei tu­buli prossimali renali, richieda la presenza di ormone paratiroideo (PTH) e sia in parte modulata dai livelli sierici del calcio e del fosforo. I metaboliti di-idrossilati hanno emivita brevissima e non vengono deposi­tati a livello tessutale. Nei soggetti affetti da insufficienza renale la produzione di 1,25(OH)2D viene pro­gressivamente compromessa. Tuttavia l'at­tività alfa-idrossilasica non è più in grado di assicurare livelli ormonali normali solo in presenza di un notevole deterioramento della funzione renale. Di conseguenza la prevenzione della carenza di vitamina D con metaboliti idrossilati è giustificata solo nei pazienti affetti da insufficienza renale avanzata (stadio IV-V). Si deve tuttavia sottolineare come, anche in tali malati i livelli di 25(OH)D debbano essere mante­nuti nel range di normalità per garantire un adeguato substrato alle 1-alfa-idrossilasi extra-renali (11).
D'altra parte il trattamento con metabo­liti attivi finali della vitamina D potrebbe risultare in altre condizioni irrazionale e o addirittura potenzialmente rischioso, poiché la 1-idrossilazione è il gradino limitante del processo di sintesi della vi­tamina D attiva; esso costituisce quindi un meccanismo di protezione nei confronti di un'eventuale intossicazione, che è preser­vato con gli altri tipi di supplementazione. Studi condotti in pazienti con osteoporosi
La vitamina D deriva per 4/5 dalla esposizione solare. Essa si deposita nel tessuto adiposo e la quota che si libera viene immediatamente convertita nel fegato in 25(OH)D, le cui concentrazioni sieriche rappresentano un preciso indicatore dei depositi di vitamina. La 25(OH) D viene convertita nel metabolita attivo 1,25(OH)2D soprattutto nel rene nell'ambito di un meccanismo omeostatico che coinvolge i livelli sierici di PTH, calcio e fosforo.
solubile. Essa viene rapidamente assorbita a livello duodenale e di­giunale e quindi distribuita attra­verso la circolazione linfatica quasi totalmente al tessuto adiposo, da cui viene liberata in piccole quan­tità rispetto alla quota immagazzi­nata. Pertanto una maggiore massa adiposa "diluisce" la vitamina D, il che spiega perché il rischio della sua carenza sia più elevato nei sog­getti obesi.
La vitamina D come tale rimane in circolo solo per brevissimo tempo e le sue concentrazioni ematiche sono pertanto molto ridotte (1-2 ng/ ml) e, nel corso del transito epatico, vengono convertite in 25-idrossico-lecalciferolo [25(OH)D3] ad opera dell'enzima 25-idrossilasi. Questo
processo metabolico può aver luogo anche in presenza di una riduzione del tes­suto epatico funzionante. Tuttavia, del tutto recentemente è stata documentata un'eleva­ta prevalenza di ipovitaminosi D nei malati affetti da epatite cronica HCV-correlata; nei pazienti con genotipo 1 tale condizione sembra interferire con la risposta terapeuti­ca all'interferone (6).
La 25(OH)D è il principale metabolita circolante della vitamina D e le sue con­centrazioni sieriche costituiscono l'indice biochimico più attendibile dello stato di
130 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
metasteroidea, dimostrerebbero tuttavia una maggiore efficacia del calcitriolo ri­spetto al colecalciferolo nella prevenzione del rischio di frattura.
Meccanismo d'azione Una volta attivata a 1,25(OH)2D, la vita­mina D si lega ad uno specifico recettore (VDR) che appartiene alla superfamiglia dei recettori per gli steroidi. In realtà sono stati identificati due tipi di recettori per la vitamina D. Il primo, localizzato nel nu­cleo, è in grado di stimolare direttamente la trascrizione di geni e quindi la sintesi ex-novo di proteine (meccanismo geno-mico). L'altro recettore è localizzato sulla membrana cellulare e agisce inducendo la formazione di secondi messaggeri cellulari (come il cAMP, il diacilglicerolo, l'ino-sitolo trifosfato, l'acido arachidonico) o fosforilando alcune proteine cellulari. Tale meccanismo d'azione non genomico è in grado di modulare in maniera rapida la risposta cellulare a vari stimoli (12). I recettori per la vitamina D sono pratica­mente ubiquitari, a riprova del loro impor­tante ruolo fisiologico, non solo nel meta­bolismo minerale ma anche in numerose altre funzioni dell'organismo. L'affinità del recettore della vitamina D per l'1,25(OH)2D è mille volte maggiore rispetto a quella per la 25(OH)D o per altri metaboliti.
A. Effetti su intestino, tessuto osseo e mu­scolo
L'1, 25(OH)2D determina un aumento dell'assorbimento intestinale di calcio at­traverso l'induzione della sintesi di una proteina espressa sull'orletto a spazzola delle cellule dell'epitelio intestinale, che lega lo ione e lo trasporta dal lume al ci­toplasma cellulare. Inoltre, l'1,25(OH)2D facilita anche l'assorbimento passivo del calcio, aumentando la permeabilità delle "tight junctions" intercellulari. L'azione della vitamina D sul tessuto os­seo si esplica attraverso l'interazione con recettori per l'1,25(OH)2D espressi dagli osteoblasti; è stato osservato che la vi­tamina D promuove la sintesi di alcune proteine, soprattutto l'osteocalcina, fonda­mentali per l'omeostasi del tessuto osseo.
L'1,25(OH)2D inoltre induce la produzione di RANKL promuovendo così l'attivazione degli osteoclasti.
L'1,25(OH)2D è in grado di stimolare la produzione di proteine muscolari ma so­prattutto di attivare alcuni meccanismi di trasporto del calcio a livello del reticolo sarcoplasmatico, che risultano essenziali per la contrazione muscolare. In condizio­ni di ipovitaminosi D sono stati descritti quadri di miopatia prossimale (difficoltà ad alzarsi dalla sedia, impotenza funzionale nel portare le braccia sopra la testa, ecc.), di sarcopenia e di riduzione della forza muscolare, con disturbi dell'equilibrio e con conseguente aumento del rischio di
cadute (13-24).
La carenza di vitamina D, soprattutto se protratta nel tempo, può portare a quadri di vera e propria disabilità. Il corrispettivo istologico è costituito da un'atrofia delle fibre muscolari di tipo II, un aumento degli spazi tra le fibrille muscolari e la sostitu­zione del tessuto muscolare con cellule adipose e tessuto fibroso (25). Nei soggetti anziani questo fenomeno può sommarsi alla fisiologica perdita di massa muscolare (sarcopenia). È stata riportata una ridu­zione del rischio di cadute in seguito alla somministrazione di vitamina D in soggetti anziani (26-30).
B. Effetti extra-scheletrici La vitamina D svolge importanti funzioni anche al di fuori del tessuto muscolo-sche­letrico. E' stata infatti osservata la presenza di recettori per la vitamina D in vari tipi cellulari ed è stata documentata l'espres­sione della 1a-idrossilasi, ossia la capacità di produrre 1,25(OH)2D, nei macrofagi attivati, negli osteoblasti, nei cheratinociti e a livello di prostata, colon e mammella. La produzione locale di 1,25(OH)2D non contribuisce al mantenimento dell'omeo­stasi calcemica, come dimostrato dal fatto che i pazienti nefrectomizzati o con grave insufficienza renale sono caratterizzati da livelli di 1,25(OH)2D praticamente indosa­bili. La produzione locale di 1,25(OH)2D sembrerebbe implicata nei meccanismi di regolazione paracrina della crescita cel­lulare, compresa quella tumorale (31-37).
Reumatismo 3/2011
131
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
Tale documentata attività anti-proliferativa ha promosso l'utilizzo dell'1,25(OH)2D o dei suoi metaboliti nel trattamento
hanno ritenuto ottimale il livello di 25(OH) D associato a valori di PTH entro il range di normalità nel 90-100% della popolazione studiata. Quest'ultimo approccio definisce stime molto diverse della soglia di 25(OH) D, ossia 32-50 nmol/l (12,8-20 ng/ml) e 68-78 nmol/l (27, 2-31 ng/ml), in funzione del metodo statistico utilizzato nella co­struzione del modello di regressione (44, 45). Peraltro l'approccio legato ai livelli di PTH risente anche della durata dello stato carenziale (sino allo sviluppo di forme simili all'iperparatiroidismo terziario) e dell'apporto di calcio con la dieta, in quan­to una condizione di carenza di vitamina D può essere mascherata da un apporto di calcio con la dieta particolarmente ge­neroso e vice-versa (46). D'altra parte i livelli di PTH sierico sono notevolmente condizionati dallo stato vitaminico D per concentrazioni di 25(OH)D inferiori a 16,3 ng/ml e dalla calcemia per livelli vitaminici al di sopra di tale soglia (47). Teoricamente il metodo più accurato per stimare le concentrazioni minime di vitami­na D sarebbe quello di rilevare la comparsa dei segni istologici di osteomalacia (vedi sotto); tuttavia questo approccio è poco pra­tico e probabilmente anche poco sensibile. Nell'ultimo decennio vari studi osservazio-nali hanno documentato una relazione tra i livelli di 25(OH)D e svariati altri parametri: valori di densità minerale ossea (BMD) (48, 49), propensione a cadere, incidenza di fratture, eventi cardio-vascolari, neoplasie (specie colon, mammella e prostata), sin­dromi depressive, diabete, sclerosi multipla e numerose altre condizioni morbose. La relazione tra livelli di 25(OH)D e rischio relativo per alcune di queste condizioni sembrerebbe indicare che le concentrazioni ottimali di 25(OH)D si attestino intorno a 75-100 nmol/l (o 30-45 ng/ml) (49) [(Fig. 1), modificata da 49].
In anni recenti diversi autori, sulla scorta di meta-analisi e studi trasversali, hanno identificato il valore soglia di un adeguato stato vitaminico D con una concentrazione sierica di 25(OH)D pari a 32 ng/ml. Si deve tuttavia sottolineare come, in mancanza di studi di intervento, tale valore soglia non possa essere conclusivamente definito. Co-
L'1,25(OH)2D, è il metabolita attivo della vitamina D che esercita le sue azioni attraverso l'interazione con specifici recettori (VDR) nucleari o situati sulla superficie cellulare. Esercita una cruciale influenza sul metabolismo calcio-fosforico, aumentando l'efficienza dell'assorbimento intestinale di calcio, incrementando il riassorbimento tubulare renale di calcio e fosforo e interferendo positivamente sulla attività osteoblastica ed osteoclastica. Promuove inoltre alcune funzioni muscolari. L'1,25(OH)2D infine contribuisce al controllo della proliferazione cellulare, con effetti sul sistema immunitario, sulla cute e su numerose neoplasie.
della psoriasi (38) e ne ha fatto ipotizzare l'impiego in alcuni tipi di neoplasie (prostata, mammella e colon) (39).
L'identificazione del VDR nel tes­suto renale e la correlazione negati­va rilevata tra i livelli di 1,25(OH)2D e renina suggeriscono un possibile ruolo della vitamina D anche nella regolazione della pressione arte­riosa (40). È nota inoltre la capa­cità della vitamina D di modulare l'attività del sistema immunitario, attraverso azioni esercitate sui lin­fociti B e T e sulle cellule della linea monocito-macrofagica. Una correzione del deficit di vitamina D potrebbe in tal senso contribuire alla riduzione del rischio di svariate malattie autoimmuni compreso il diabete tipo 1 (41). Relativamente a quest'ultima patologia si rammenta che le cellule delle isole pancre­atiche esprimono i recettori VDR e che l'1,25(OH)2D è in grado di promuovere la sintesi e la secrezio­ne di insulina.
Tuttavia, per una parte degli effetti extrascheletrici ipotizzati in base agli studi di associazione manca
tuttora una solida dimostrazione scientifica, poiché i pochi studi di interven­to non hanno fornito risultati univoci.
? LIVELLI OTTIMALI DI 25(OH)D
Sebbene non sia stata ancora acquisita una adeguata standardizzazione dei metodi di dosaggio (42), la concentrazione sierica di 25(OH)D è ritenuta il miglior indicatore clinico della riserva di vitamina biodispo­nibile. La definizione dei livelli normali di 25(OH)D si è profondamente modificata nell'ultimo decennio. Il primo approccio fu quello basato sui livelli minimi di 25(OH)D necessari per garantire un ottimale assorbi­mento intestinale di calcio. Questo limite fu stabilito in 32 ng/ml (80 nmol/l) (43). Altri
132 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
sì, recentemente queste soglie di normalità sono state messe in discussione da un re-port dell'Institute of Medicine (IOM) (51). Nel presente documento per quanto attiene i livelli soglia di 25(OH)D sotto i quali si hanno conseguenze negative vengono svi­luppati i seguenti punti:
A. Rachitismo e osteomalacia
In presenza di un normale apporto di calcio con la dieta il rischio di rachitismo aumenta per livelli di 25(OH)D inferiori a 25 nmol/l (10 ng/ml) (43) ma è ancora minimo per livelli compresi tra 25 and 50 nmol/l. Re­centi dati autoptici (52) hanno documentato la presenza di osteomalacia per livelli di 25(OH)D inferiori o uguali a 50 nmol/l (20 ng/ml). Tuttavia, quando l'apporto di calcio è inadeguato per evitare il rischio di osteo­malacia potrebbero essere necessari livelli superiori a 75 nmol/l (30 ng/ml).
B. Rischio di frattura
Risultati di studi d'intervento Esiste un'ampia variabilità di dati. In alcuni studi si conclude che livelli di 25(OH)D superiori a circa 40 nmol/l siano sufficienti per garantire un'adeguata protezione ossea, ma in altri questa soglia è posta a 50 nmol/l
(53-57).
Risultati di studi osservazionali Numerosi studi osservazionali hanno mes­so in relazione i livelli di 25(OH)D con il rischio di frattura (prevalentemente di femore) (58, 59). In tutti questi studi, bassi livelli di 25(OH)D si associano ad un più elevato rischio di frattura. I valori soglia oltre i quali non si osservano ulteriori be­nefici non sono molto univoci e variano da 40 nmol/l (60) a 50 nmol/l (61) a 60-70 nmol/l (62-65).
Va sottolineato che con l'eccezione dello studio condotto in Svezia (60) ove peral­tro l'apporto di calcio è molto elevato e le concentrazioni di 25(OH)D piuttosto omogenee, la maggior parte degli altri stu­di indica che un significativo incremento del rischio di frattura si osserva per valori di 25(OH)D inferiori a circa 60 nmol/l. D'altra parte quest'ultima soglia è stata identificata dall'IOM in 50 nmol/l, in con-
30 50 70 90 110
Median 25(OH)D concentration (nmol/L)
Figura 1 - Relazione tra livelli di 25(OH)D e rischio relativo per alcune condizioni patologiche.
trasto ad altre autorevoli posizioni (66). Si rammenta in particolare come in 2 meta-analisi di trial randomizzati e controllati (RCTs) una soglia di 50 nmol/l risultasse inadeguata a garantire una riduzione del rischio di fratture e cadute (28, 67). Inoltre dallo studio NHANES, la relazione tra livelli di BMD e 25(OH)D dimostrava una chiara persistenza della correlazione posi­tiva per valori ben oltre i 50 nmol/l (48,49). La parziale incoerenza di queste posizioni e dei risultati dei vari studi può essere attri­buita all'interazione tra livelli di 25(OH)D e apporto di calcio con la dieta, poichè in presenza di una dieta particolarmente ricca di calcio possono essere sufficienti livelli di 25(OH)D più bassi e vice-versa (46, 68). Va anche ricordato che l'espressione dei recettori per la vitamina D (e quindi la ri­sposta alla vitamina D) si riduce con l'avan­zare dell'età a livello di tutti i tessuti, ed in particolare di intestino, rene e muscolo (69). Anche il meccanismo di regolazione renale della produzione di 1,25(OH)2D in risposta al PTH sembra attenuarsi con l'invecchiamento (70, 71). Queste ultime osservazioni farebbero quindi ritenere che negli anziani i livelli ottimali di 25(OH)D debbano essere un po' superiori a quelli identificati per i giovani. In conclusione considerando che: a) i livelli sierici di 25(OH)D auspicabili
Reumatismo 3/2011 133
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
Tabella I - Interpretazione dei livelli ematici di 25(OH)D.
esposizione solare che per squilibri diete­tici. L'esposizione solare, in termini tanto di superficie corporea esposta quanto di tempo di irradiazione, si riduce con l'avan­zare dell'età, in rapporto a ragioni socio­culturali o a patologie oculari o cutanee che ne limitano la tollerabilità. Si rammenta inoltre che la produzione cutanea di vitami­na D, a parità di esposizione ultra-violetta, si riduce con l'età. Anche l'assunzione dei cibi che contengono le quantità maggiori di vitamina D (latte e derivati, grassi animali) diminuisce con l'avanzare degli anni per il timore di aumentare il rischio cardiova­scolare.
Un quadro preoccupante è emerso anche da studi policentrici internazionali che hanno inaspettatamente documentato una maggiore prevalenza di ipovitaminosi D nei paesi del Sud Europa (Italia, Grecia e Spagna) (79, 82, 87). In Italia i cibi non vengono addizionati in vitamina D e di conseguenza la correzione del deficit è co­munemente affidata alla supplementazione farmacologica.
Nella pratica clinica sia per il trattamen­to dell'osteopenia che dell'osteoporosi postmenopausale è usualmente indicata ed utilizzata la combinazione di calcio e vita­mina D, disponibile in varie formulazioni farmaceutiche nel nostro Paese. Questo trattamento si è dimostrato in grado in vari trial clinici di ridurre il rischio di fratture femorali in particolari gruppi di pazienti (88, 89). Per la scarsissima compliance a queste formulazioni (90, 91) accade spes­so che persino nei pazienti in trattamento con farmaci per la terapia dell'osteoporosi la supplementazione con vitamina D sia infrequente e sospesa precocemente (92), malgrado la raccomandazione riportata nel foglietto illustrativo dei farmaci per l'oste­oporosi e nella Nota 79 dell'AIFA. È stato documentato proprio in Italia che ciò tende a vanificare gli outcome terapeutici dei farmaci utilizzati per l'osteoporosi (93-95). Il problema della carenza di vitamina D non è esclusivo appannaggio degli anziani. Un recente studio volto a stabilire i valori di normalità dei marker del metabolismo minerale in soggetti giovani e sani ha di­mostrato che la carenza di vitamina D
Definizione
nmol/L
ng/ml
Carenza
<50
<20
Insufficienza
50-75
20-30
Eccesso
>250
>100
Intossicazione
>375
>150
verosimilmente aumentano con l'età
(46);
b) in Italia l'apporto di calcio è in genere assai modesto (46, 72, 73);
c) il rischio di intossicazione da vitamina D (vedi sotto) è piuttosto remoto;
appare ragionevole identificare conserva­tivamente la soglia del deficit vitaminico con una concentrazione sierica di 25(OH) D inferiore a 75 nmol/l (30 ng/ml).
Queste linee guida quindi ritengo-
L'insufficienza di vitamina D interessa la quasi totalità della popolazione anziana italiana che non assume supplementi di vitamina D. Ciò appare legato alla dieta (pochi grassi animali, infrequente addizione di vitamina D negli alimenti) ed alla scarsa esposizione solare. L'insufficienza di vitamina D interessa circa il 50% dei giovani, almeno nei mesi invernali.
no accettabili i range dei livelli di 25(OH)D riportati da Holick (74)
(Tab. I).
Nella tabella I, si definisce carenza un deficit marcato e insufficienza un deficit sfumato (o meno severo) di vitamina D, mentre le concen­trazioni superiori a 30 ng/ml (75 nmol/l) possono essere considerate ottimali (75). Si deve tuttavia ricor­dare come secondo alcuni Autori anche livelli sierici di 25(OH)D superiori a 20 ng/ml (50 nmol/l) sarebbero associati a riduzione del turnover osseo e del rischio di frat­tura (76, 77) e potrebbero quindi considerarsi ottimali.
? PREVALENZA DEL DEFICIT DI VITAMINA D IN ITALIA
La carenza di vitamina D è particolarmente frequente in Italia, specie negli anziani e nei mesi invernali (4, 78-85). La carenza è tanto comune e di tale entità che l'86% delle donne italiane sopra i 70 anni presenta livelli ematici di 25(OH)D inferiori ai 10 ng/ml alla fine dell'inverno (72). Questo rilievo assume aspetti drammatici nei sog­getti istituzionalizzati o con altre patologie concomitanti (78, 83, 86), sia per la scarsa
134 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
interessava il 30 ed il 65% dei soggetti per cut-off di 25(OH)D <20 ng/ml o <30 ng/ml, rispettivamente (96). Il problema peggiora nei mesi invernali anche nei giovani ed in particolare nelle donne (81).
? STRATEGIE DI PREVENZIONE E CURA DELLA CARENZA
DI VITAMINA D CON COLECALCIFEROLO
Fattori che determinano i livelli sierici di 25(OH)D e le loro modificazioni in risposta alla somministrazione orale di vitamina D.
Diversi fattori, fra cui il livello iniziale di 25(OH)D, influiscono sull'incremento del­la 25(OH)D sierica in risposta a una data dose di vitamina D. Con una dose di 2,5 \ig (100 UI/die), l'incremento medio varia da 2,75 nmol/l (1,1 ng/ml) per bassi livelli ini­ziali di 25(OH)D a 1,75 nmol/l (0,7 ng/ml) per livelli iniziali più elevati (quasi ottimali) (97). L'incremento dei livelli di 25(OH) D in risposta a una data dose di vitamina D è anche funzione della massa corporea, risultando inferiore in soggetti con elevato indice di massa corporea (BMI) rispetto a quelli con BMI nella norma (98, 99). Altri fattori, che pure influiscono sui livelli di 25(OH)D, non hanno alcun impatto noto sulla risposta della 25(OH)D alla supple-mentazione con vitamina D. Ad esempio, l'uso di estrogeni aumenta i livelli sierici misurati di 25(OH)D tramite l'aumento dei livelli di proteina di legame della vitamina D (100), ma non altera l'incremento della 25(OH)D sierica conseguito attraverso la supplementazione. Inoltre, i livelli sierici di 25(OH)D diminuiscono con l'invec­chiamento, ma la risposta della 25(OH)D sierica ad una data dose di supplementazio­ne con vitamina D è indipendente dall'età (101). Infine, l'apporto alimentare di calcio, entro l'intervallo normalmente consumato, non influisce sulla risposta della 25(OH) D sierica alla supplementazione con vita­mina D. Quest'ultimo concetto va tenuto distinto dalle osservazioni secondo cui il fabbisogno di calcio può dipendere dallo stato vitaminico D (46, 102).
Fabbisogno di vitamina D
Per stimare il fabbisogno di vitamina D è necessario conoscerne la quantità normal­mente utilizzata dall'organismo. Quest'ul­tima non è mai stata definita e deve quindi essere stimata empiricamente, sulla base delle dosi necessarie per raggiungere e mantenere gli auspicabili livelli sierici di 25(OH)D prima indicati. In soggetti con carenza o insufficienza di vitamina D e quindi verosimilmente con un apporto dietetico/solare molto basso (ad esempio <400 UI/die) una dose giornaliera inferiore a 2.000 unità non è in grado di consentire il raggiungimento di adeguati li­velli di 25(OH)D (Adami S: dati personali;
103, 104).
Sulla base dei dosaggi utilizzati in vari trial per il trattamento dell'osteoporosi, che pre­vedevano la somministrazione di vitamina D a pazienti con carenza od insufficienza, si è stimato che per raggiungere livelli di 25(OH)D pari o superiori a 75 nmol/l oc­corre assumere tra le 1.800 e le 4.000 UI di vitamina D al giorno (105, 106). Possia­mo quindi ragionevolmente ipotizzare un fabbisogno medio giornaliero di vitamina D intorno a 1.500-2.300 UI/die, tenendo conto che esso può aumentare con l'età, la massa corporea, la massa grassa e l'apporto di calcio.
Il problema della definizione del fabbiso­gno giornaliero può essere affrontato anche mettendo in relazione l'apporto vitaminico D e le concentrazioni di 25(OH)D. I dati più consistenti al riguardo sono quelli raccolti nello studio NHANES, 2005-2006 (107). I risultati di questa indagine nelle donne sono riassunti nella tabella II, ove vengono anche riportati i livelli medi di 25(OH)D rilevati in Italia per simili range di età. Si noti che, qualora si assuma come soglia di normalità un valore di 25(OH)D pari a 75 nmol/l, la prevalenza della carenza di vitamina D in Italia appare leggermente in­feriore rispetto agli USA nei soggetti giova­ni, ma nettamente superiore tra gli anziani. Nella rilettura di questi dati da parte dello IOM (51) si assume che l'esposizione sola­re contribuisca per solo il 30% all'apporto di vitamina D, il che contraddice i dati sperimentali ottenuti negli USA e nel Nord-
Reumatismo 3/2011 135
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
America (5, 74), secondo cui l'esposizione solare contribuisce invece per l'80%. Negli studi epidemiologici italiani (72, 96) si è documentata una differenza del 40% circa tra i valori di 25(OH)D rilevati nei soggetti con minima e in quelli con media esposizione solare, facendo ritenere che quest'ultima contribuisca per il 60-90% al fabbisogno di vitamina D. Queste percentuali sono molto rilevanti per stimare il fabbisogno giornaliero globale (sole, alimenti, supplementi) di vitamina D atto a conseguire normali livelli di 25(OH) D. Le conseguenze sulla stima del fabbiso­gno di vitamina D, utilizzando i dati NHA-NES e assumendo il contributo dell'espo­sizione solare ai livelli di 25(OH)D pari a 30% o 80% sono riportati nella tabella III. L'intake globale (sole, alimenti, supple­menti) negli USA di vitamina D in soggetti anziani è di circa 600 UI/die se si assume un contributo della esposizione solare pari al 30% (400 orale +200 esposizione sole)
che sale a 2.000 UI/die se la quota attribuita all'esposizione solare è pari all'80% (400 orale +1.600 esposizione solare). La stima del fabbisogno giornaliero di vi­tamina D può essere fatta anche seguendo un altro approccio. È stato osservato che per ogni 100 UI di vitamina D assunta i livelli di 25(OH)D aumentano di 1 ng/ml (2,5 mmol/l). Se questa relazione si mante­nesse lineare per qualsiasi livello iniziale di 25(OH)D, la somministrazione quotidiana di 2.000 UI di vitamina D3 garantirebbe comunque concentrazioni sieriche pari o superiori a 20 ng/ml anche nei soggetti con trascurabile esposizione giornaliera alla luce solare (43).
Deve essere ricordato che la stima di un fabbisogno giornaliero di vitamina D pari a 2.000 UI (valore ottenuto dalle tre analisi esposte sopra) si associa a livelli medi di 25(OH)D sub-ottimali, per cui appare ra­gionevole ipotizzare che l'apporto ottimale globale (esposizione solare, alimenti, sup-
Tabella II - Relazione tra apporto vitaminico D e concentrazioni di 25(OH)D: risultati dello studio NHANES.
Assunzione di vitamina D (UI/die)
Livelli di 25OHD nmol/l
Età anni (range)
Alimenti
Supplementi
Totale
Media USA
Media Italia
<8
250
70
375
71
9-18
190
70
260
58
19-30
144
88
232
63
682
31-50
176
132
308
58
682
51-70
156
148
404
57
471
>70
180
120
400
56
401
'Isaia et al.; 2Adami et al.
Tabella III - Stima del fabbisogno giornaliero di vitamina D in soggetti sani assumendo che l'irradiazione solare fornisca il 30 o l'80% del fabbisogno giornaliero medio.
Età anni (range)
Apporto dietetico globale di vitamina D
Fabbisogno giornaliero di vitamina D
Contributo irradiazione UV = 30%
Contributo irradiazione UV = 80%
<8
375
536
1.875
9-18
260
371
1.300
19-30
232
331
1.160
31-50
308
440
1.540
51-70
404
577
2.020
>70
400
571
2.000
136 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
plementi) potrebbe anche essere superiore a quello precedentemente suggerito.
Fonti di vitamina D in Italia
L'apporto dietetico di vitamina D e l'ef­ficace esposizione alla luce solare sono i principali fattori che determinano il livello
sierico di 25(OH)D.
La vitamina D è presente nei cibi in limitate quantità. La maggiore fonte è costituita dai grassi animali contenuti soprattutto nei pesci grassi (ad esempio il salmone) e nei latticini.
Al fine di garantire un maggiore apporto di vitamina D attraverso i prodotti lattiero-caseari sarebbe necessario addizionare tali alimenti, come avviene per ora solo nei paesi del nord Europa e più diffusamente nel Nord America, dove tuttavia questa sup­plementazione garantisce solo un apporto medio di 40-80 UI/die nei soggetti giovani e 160-200 UI/die nelle persone dopo i 50 anni (108). Questa stima USA sulla supple­mentazione vitaminica D degli alimenti di più comune uso è stata fatta qualche anno fa (109) ma assume ora maggiore rilievo per la crescente percezione del ruolo della vitamina D nell'epidemiologia di molte malattie (51).
È verosimile che il contributo della dieta ai livelli di 25(OH)D sia in Italia conside­revolmente inferiore rispetto agli USA, sia per la tipologia della dieta (meno grassi animali) sia per la infrequente supple­mentazione di vitamina D negli alimenti di comune uso. Ciò espone ancor di più alla carenza le persone anziane con scarsa esposizione solare.
Nei secoli scorsi esporsi al sole durante i mesi estivi (quelli efficaci per la sintesi cutanea di vitamina D) era l'ineludibile necessità di una popolazione dedita in prevalenza a lavori all'aria aperta e che includeva una minore percentuale di sog­getti anziani. Oggi l'esposizione solare è per lo più voluttuaria e gradita solo da una parte dei giovani. La maggior parte della popolazione, particolarmente con l'avan­zare dell'età, limita invece l'esposizione al sole ed utilizza sempre più spesso creme protettive, che riducono la fotosintesi della vitamina. Nelle popolazioni che assumono
una dieta povera di vitamina D (come è in generale la dieta mediterranea) la sua ca­renza tra gli anziani assume inevitabilmente dimensioni epidemiche.
Impiego dei supplementi di vitamina D
La dose di vitamina D consigliata viene espressa come posologia giornaliera. Tutta­via, a parità di dose cumulativa, la vitamina D può anche essere somministrata attraver­so boli settimanali (110). Per migliorare l'aderenza al trattamento è possibile ricor­rere anche a boli mensili o trimestrali; in tal caso le dosi equivalenti, secondo alcuni Au­tori, dovrebbero essere maggiori di quelle giornaliere o settimanali cumulative
(111). In alcuni casi si è ricorso per ragioni pratiche anche ad un bolo annuale (90).
Va tuttavia segnalato come, secondo un recente studio, la somministra­zione di un bolo annuale di 500.000 UI di colecalciferolo a un gruppo di donne anziane inducesse l'ef­fetto paradossale di aumentare il rischio di cadute e di fratture (112). Malgrado i grossolani limiti me­todologici di questa ricerca, in cui non erano stati controllati i fattori di rischio di cadute e di frattura e
Il fabbisogno di vitamina D varia da 1.500 UI/die (adulti sani) a 2.300 UI/die (anziani). L'alimentazione in Italia fornisce in media circa 300 UI/ die, per cui quando l'esposizione solare è virtualmente assente debbono essere garantiti supplementi per 1.200-2.000 UI/die.
in cui la popolazione studiata pre­sentava livelli iniziali di 25(OH)D doppi rispetto alla popolazione anziana italiana, i risultati di questo studio suggeriscono un approccio preventivo di comunità con boli più contenuti (al massimo di 300.000 UI). Tale approccio sembrerebbe almeno inizial­mente giustificato dalla farmaco-cinetica della vitamina D con lo scopo di "saturare" i depositi dell'organismo. La vitamina D va normalmente sommi­nistrata per via orale, limitando l'utilizzo della via intramuscolare ai pazienti con severe sindromi da malassorbimento. Gli schemi posologici raccomandati devo­no tener conto di potenziali interferenze di altri farmaci o condizioni morbose (Tab.
IV).
La posologia della vitamina D da consiglia­re può quindi anche variare a seconda della condizione clinica trattata e degli obiettivi terapeutici che ci si prefiggono.
Reumatismo 3/2011 137
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
Tabella IV - Condizioni cliniche che interferiscono con il metabolismo della vitamina D.
degli stati carenziali sia considerevolmente inferiore rispetto all'Italia e sono atti a ga­rantire livelli sierici di 25(OH)D superiori a 50 nmol/l, ma inferiori a quelli auspicati da queste linee guida (75-80 nmol/l). Infatti, una supplementazione con 600 UI/die in soggetti di età maggiore di 70 anni non mo­difica in maniera sostanziale la proporzione di soggetti carenti (110). Il dosaggio dei livelli sierici della 25(OH) D può essere ritenuto un buon indicatore del fabbisogno giornaliero. Tuttavia, l'im­piego di tale dosaggio, nell'ambito di uno screening generalizzato o addirittura per il periodico monitoraggio in corso di supple-mentazione, non appare economicamente accettabile.
Nell'adulto giovane è stato calcolato che un'esposizione estiva su ambedue le super-fici del corpo della durata di 20-30 minuti/ die nelle ore mediane della giornata equi­vale ad un apporto di 10.000-20.000 UI di vitamina D.
È quindi ragionevole ritenere che una per­sona giovane (<60 anni) con uno stile di vita caratterizzato da normale esposizione solare (una vacanza marina all'anno, e più di 20 minuti/die di vita all'aperto nel periodo estivo) (72, 96), non abbia bisogno di eseguire controlli per verificare un even­tuale stato di insufficienza e quindi neppure di supplementi.
In soggetti anziani con una età tra 60 e 70 anni, si può ritenere che non esista uno stato di insufficienza di vitamina D solo in presenza di stili di vita caratterizzati ad esempio da prolungate vacanze d'estate, con ampia esposizione solare. Per questo intervallo di età (60-70 anni) un controllo dei livelli di 25(OH)D appare altrimenti giustificato. Tuttavia, un approccio pragma­tico che preveda la supplementazione "in cieco" con 600-1000 UI/die appare anche accettabile, una volta escluse le condizioni in cui la vitamina D può essere controindi­cata (vedi sovradosaggio). In persone di età superiore a 70 anni (ed in maniera crescente con l'avanzare dell'età) che non assumano supplementi di vitamina D la carenza vitaminica ha una prevalenza vicina al 100%. In questi casi, laddove non sia indispensabile il controllo della 25(OH)
Diminuita bio-disponibilità
A. Malassorbimento di grassi
- Fibrosi cistica
- Malattia celiaca
- Morbo di Whipple
- Morbo di Crohn
- Intervento di by- pass gastro-intestinale
- Farmaci che riducono l'assorbimento di grassi
- Altro
B. Ridotta disponibilità
- Obesità con sequestro della vitamina D nel tessuto adiposo
Aumentato catabolismo / consumo
- Anticonvulsivi
- Glucocorticoidi
- Farmaci per il trattamento dell'AIDS o anti-rigetto.
- Allattamento e gravidanza
Diminuita sintesi di 25(OH)D (somministrare anche calcidiolo)
- Grave insufficienza epatica
Perdite urinarie di 25(OH)D
- Sindrome nefrosica
Diminuita sintesi di 1,25(OH)2D (somministrare anche calcitriolo)
- Insufficienza renale cronica
- Iperfosforemia
- Deficit congeniti di 1-idrossilasi
Prevenzione dell'insufficienza di vitami­na D
Per prevenzione dell'insufficienza si inten­de la dose di vitamina D da consigliare a soggetti in cui il deficit vitaminico sia già stato corretto e la supplementazione sia finalizzata a prevenirne la recidiva. In molte linee guida si è preferito dare raccomandazioni universali, di facile com­prensione ed adozione. In particolare è raccomandato un apporto minimo quotidiano di 200 UI di vitamina D dal secondo mese di vita fino all'adolescen­za (113), di 400 UI in età adulta e di almeno 600 UI (15 pg) sopra i 70 anni (114). Questi apporti minimi raccomandati sono stati recentemente rivisti dalla IOM, che propone 400 UI fino ad 1 anno di vita, 600 UI fino ai 70 anni (anche durante la gravi­danza e l'allattamento) ed 800 UI sopra i
70 anni (51).
Questi dosaggi possono essere ritenuti accettabili in contesti in cui la prevalenza
138
Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
D sierica, è pienamente giustificato avvia­re un trattamento "in cieco", dopo aver escluso la presenza di controindicazioni. Uno schema che garantisce comunque un ampio margine di sicurezza in termini di sovradosaggio potrebbe essere rappresenta­to dalla somministrazione di un bolo unico di 300.000 UI nei mesi invernali seguito da 1.000 UI/die (o equivalenti settimanali o mensili).
Per tutti gli schemi citati sopra va ricordato che in presenza di precarie condizioni nu­trizionali o sindromi da malassorbimento intestinale e in caso di somministrazione di alcuni farmaci (ad esempio anticon­vulsivanti o glucocorticoidi) è opportuno aumentare le dosi o ricorrere alla sommini­strazione parenterale.
Sebbene pochi studi siano stati pubblicati su questo specifico argomento, l'impiego dei metaboliti idrossilati della vitamina D sembra trovare indicazione solo in alcune particolari condizioni.
Trattamento della carenza e insufficienza di vitamina D
L'obbiettivo della terapia della carenza e dell'insufficienza di vitamina D è quello di ripristinare normali livelli sierici e quindi dei depositi di 25(OH)D, in tempi brevi. La dose cumulativa da somministrare nel giro di alcune settimane può variare in funzione della gravità della carenza e della massa corporea. Il valore di 25(OH)D rilevato al momento dell'identificazione dello stato carenziale o di insufficienza può essere ritenuto un buon indicatore del fabbisogno
(Tab. V).
A questa dose deve seguire una dose di mantenimento, per evitare di ritornare nelle condizioni di insufficienza o carenza (103, 115); qualora persistano le condizioni che
hanno indotto tale stato carenziale o di insufficienza (Tab. V) il dosaggio dovrà essere superiore.
Una stima accurata degli effetti di dosi "te­rapeutiche" di vitamina D non è mai stata fatta, ma esistono alcuni studi sull'effetto di boli di vitamina D sui livelli di 25(OH) D negli adulti. Al fine di incrementare le concentrazioni di 25(OHD), possono essere utilizzate sia la vitamina D2 che la vitamina D3, a dosaggio adeguato. Al riguardo si deve infatti segnalare come gli incrementi delle concentrazioni sieriche di 25(OH)D conseguiti attraverso la som­ministrazione di vitamina D3 siano più pro­nunciati di quelli ottenuti somministrando
vitamina D2 (116, 117). È stato riportato che un bolo di 100.000 UI di colecalciferolo innalza di 10 ng/ml i livelli di 25(OH)D per 3 mesi (118), uno di 300.000 UI mantiene livelli superiori a 32 ng/ml per almeno due mesi (116) mentre 600.000 UI di circa 40 ng/ml per 3 mesi
(119).
In uno studio condotto in Australia boli annuali di 500.000 UI determinavano in­crementi della 25(OH)D di circa 20 ng/ml entro il primo mese (112). Se la carenza è definita dal riscontro di livelli di 25(OH)D inferiori a 20 ng/ml, per conseguire valori sicuramente superiori a 30 ng/ml, si dovrà somministrare agli adulti, nell'arco di alcune settimane, una dose cumulativa compresa tra 600.000 e 900.000 UI, in relazione al valore iniziale di 25(OH)D. Nella tabella V sono indicati a titolo orientativo alcuni possibili schemi di trattamento.
Nei soggetti carenti o persistentemente a rischio per carenza può essere opportuno un controllo della 25(OH)D sierica dopo 3-6 mesi.
Tabella V - Stima della dose terapeutica e di quella di mantenimento in funzione dei livelli di 25(OH)D in soggetti che non hanno ricevuto supplementi nell'ultimo anno.
Valore basale di 25(OH)D
Dose terapeutica cumulativa di vitamina D
Dose giornaliera di mantenimento
<10 ng/ml o 25 nmol/l
1.000.000
2.000
10-20 ng/ml o 25- 50 nmol/l
600.000
1.000
20-30 ng/ml o 50-75 nmol/l
300.000
800
Reumatismo 3/2011 139
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
M SUPPLEMENTAZIONE VITAMINICA D IN ETÀ PEDIATRICA
Nei lattanti la supplementazione vitaminica D dipende dall'apporto materno di vitami­na D (120). Con l'allattamento artificiale la Federal Food, Drug, and Cosmetic Act (121) raccomanda un apporto alimentare di 100 UI/100 Kcal e quindi un apporto variabile tra 265 e 660 UI/die. In bambini di età inferiore a 6 mesi l'apporto consigliato è di 300 UI/die e nei bambini con una età superiore a 6 mesi 400 UI/die. L'Institute of Medicine ha recentemente riconosciuto che al di sotto di un anno di età le attuali evidenze non consentono di fornire racco­mandazioni ed è possibile solo ipotizzare che sia adeguato un introito di 400 UI/die; la dose raccomandata aumenta a 600 UI dopo l'anno di vita (51). Questo apporto può aumentare se i bambini non sono espo­sti alla luce del sole e comunque nei mesi invernali.
La dose di supplementi eventualmente consigliata dovrà anche tener conto della possibile presenza di vitamina D negli ali­menti (latte artificiale o cibi per neonati).
M FABBISOGNO DI VITAMINA D E GRAVIDANZA
Negli anni '60, in Gran Bretagna furono se­gnalati alcuni casi di Stenosi Sopravalvola­re Aortica (SAS) associati ad ipercalcemia, attribuita ad un apporto eccessivo di vitami­na D (122, 123). Queste osservazioni hanno indotto una drastica riduzione dell'uso di supplementi in gravidanza ed alcune schede tecniche di farmaci riportano la gravidanza tra le controindicazioni all'uso di vitamina D. Negli anni successivi fu chiarito che la SAS corrisponde in verità alla Sindrome di Williams (124), condizione legata ad una alterazione del gene che controlla la sintesi dell'elastina, in cui è presente una aumentata conversione della vitamina D in
25(OH)D.
Negli anni successivi sono stati condotti numerosi lavori sperimentali di intossica­zione di vitamina D in gravidanza, in cui
non è mai stata documentata l'insorgenza di sindromi anche vagamente simili alla SAS nei neonati (120). Malgrado ciò le schede tecniche dei prodotti contenenti supplementi di vitamina D continuano ad includere raccomandazioni strettissime sull'utilizzo della vitamina D nelle gra­vide.
Queste raccomandazioni possono avere un impatto negativo rilevante in termini di salute pubblica. Infatti, molti lavori hanno chiaramente dimostrato che la carenza di vitamina D in gravidanza ha effetti nega­tivi sia sulla madre che sul neonato e che in gravidanza la prevenzione della carenza di vitamina D deve essere fatta come nelle donne non gravide (125). Le linee guida più recenti raccomandano la somministrazione
di 600 UI/die di vitamina D (51). M SOVRADOSAGGIO
Una eccessiva somministrazione di vita­mina D può determinare intossicazione, caratterizzata da ipercalcemia e rapido deterioramento della funzione renale. I pochi casi descritti in passato si riferiscono all'uso di dosi elevatissime di vitamina D, utilizzate sino a 30 anni fa per il trattamento dell'ipoparatiroidismo. Secondo alcuni autori dosaggi fino a 2.000 UI/die o, più recentemente, fino a 4.000 UI/ die (51, 126) risultano del tutto sicuri dopo i 9 anni di età.
Questo dosaggio dovrebbe tuttavia essere commisurato all'apporto non farmaco­logico di vitamina D. In altri termini, se 2.000 UI/die in soggetti anziani con scarsa esposizione solare possono essere consi­derate assolutamente sicure (ed in alcuni casi persino insufficienti), la stessa dose potrebbe non essere altrettanto sicura a lungo termine nei soggetti giovani, magri e con frequente esposizione solare. In alcune condizioni (granulomatosi, iper-paratiroidismo primitivo) si rileva una ab­norme conversione, substrato-dipenden­te, della 25(OH)D nel metabolita attivo 1,25(OH)2D; pertanto, in pazienti affetti da queste patologie i livelli di 25(OH) D debbono essere mantenuti rigidamente
140 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
nel range di normalità. In questi casi si raccomandano dosi più basse e controlli periodici dei livelli sierici della 25(OH)D. Recentemente l'Institute of Medicine ha identificato in 4.000 UI/die la dose massi­ma tollerata (51).
Carenza [25(OH)D <20 ng/ml] ed insufficienza [25(OH)D tra 20 e 30 ng/ml] sono condizioni molto comuni nella popolazione italiana e la loro prevalenza aumenta con l'avanzare dell'età. Il dosaggio della 25(OH)D sierica rappresenta il metodo più appropriato per stimare lo stato
di replezione vitaminica D. I dati epidemiologici consentono comunque di presumere carenti tutti gli anziani che non stiano assumendo supplementi. In presenza di carenza o insufficienza vanno somministrate nell'arco di 1-4 settimane dosi cumulative di vitamina D variabili tra 300.000 e 1.000.000 di UI. La dose giornaliera (o equivalenti settimanali, mensili o trimestrali) di mantenimento, dopo aver raggiunti livelli normali di 25(OH)D, varia in funzione dell'età e dell'esposizione solare, con un range tra 800 e 2.000 UI/die. Un controllo dei livelli di 25(OH)D è raccomandato dopo trattamenti con dosi quotidiane superiori a 1.000 UI, per più anni. I supplementi di vitamina D devono essere usati con cautela e monitorando periodicamente i livelli di 25(OH) D nei pazienti con malattie granulomatose (quali ad esempio la sarcoidosi) ed iperparatiroidismo primitivo. In gravidanza i supplementi con vitamina D possono essere utilizzati come nelle donne non gravide, evitando comunque l'uso dei boli.
M UTILITÀ CLINICA DEL
DOSAGGIO DELLA 25(OH)D
Per ovvie ragioni economiche non è pos­sibile proporre la misurazione dei livelli di 25(OH)D in tutta la popolazione. È quindi auspicabile lo sviluppo di algoritmi per la stima del rischio di carenza di vitamina D, al fine di selezionare i soggetti in cui sia utile l'esecuzione di tale dosaggio. Del tutto recentemente, utilizzando i da­tabase di 3 studi condotti su ampie coor­ti della popolazione generale italiana, è in corso di sviluppo, sotto l'egida della SIOMMMS, un algoritmo che la società intende poi sottoporre ad una validazione prospettica.
RIASSUNTO
La Società Italiana dell'Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS) ha deciso di elaborare linee guida relative alla definizione dell'ipovitaminosi D e alle strategie di prevenzione e trattamento, riassunte nei seguenti punti:
• Il fabbisogno di vitamina D varia da 1.500 UI/die (adulti sani) a 2.300 UI/die (anziani, con basso apporto di calcio con la dieta). L'alimentazione in Italia fornisce in media circa 300 UI/die, per cui quando l'esposizione solare è virtualmente assente debbono essere garantiti supplementi per 1.200-2.000 UI/die.
• Il dosaggio della 25-idrossi-vitamina D [25(OH)D] sierica rappresenta il metodo più accurato per stimare lo stato di replezione vitaminica D, sebbene le tecniche di dosaggio non siano tuttora adeguatamente standar­dizzate.
• Sono state identificate soglie per una condizione di "carenza" [25(OH)D <20 ng/ml] e di "insufficienza" [25(OH)D tra 20 e 30 ng/ml] dello stato vitaminico D.
• L'insufficienza di vitamina D interessa circa il 50% dei giovani nei mesi invernali. La condizione carenziale aumenta con l'avanzare dell'età sino ad interessare la quasi totalità della popolazione anziana italiana che non assume supplementi di vitamina D.
• In presenza di deficit severo vanno somministrate dosi cumulative di vitamina D variabili tra 300.000 ed 1.000.000 di UI, nell'arco di 1-4 settimane.
• Una volta corretto il deficit vitaminico, la dose giornaliera di prevenzione - mantenimento varia in funzione dell'età e dell'esposizione solare, con un range compreso tra 800 e 2.000 UI/die o equivalenti settimanali. Un controllo dei livelli di 25(OH)D è raccomandato ogni due anni circa per trattamenti con dosi quotidiane superiori a 1.000 UI.
• La dose massima giornaliera oltre cui si ritiene elevato il rischio di intossicazione è stata identificata in 4.000 UI.
• I supplementi di vitamina D devono essere usati con cautela e monitorando periodicamente i livelli di 25(OH) D nei pazienti con malattie granulomatose o iperparatiroidismo primitivo.
• In corso di gravidanza i supplementi di vitamina D possono essere somministrati come nelle donne non gravide, evitando comunque l'uso dei boli (dosi >25.000 UI).
Reumatismo 3/2011 141
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
M BIBLIOGRAFIA
1. Holick MF. Vitamin D: the underappreci-ated D-lightful hormone that is important for skeletal and cellular health. Curr Opin Endocrinol Diabetes 2002; 9: 87-98.
2. Holick MF. Vitamin D: photobiology, me­tabolismi, mechanism of action, and clinical applications. In: Favus MJ, Editor. Primer on the metabolic bone diseases and disor-ders of mineral metabolism. 4th ed. Philadel-phia: Lippincott Williams & Wilkins, 1999:
92-98.
3. Holick MF, Matsuoka LY, Wortsman J. Age, vitamin D, and solar ultraviolet radiation. Lancet 1989; 2: 1104-5.
4. Maggio D, Cherubini A, Lauretani F, Russo RC, Bartali B, Pierandrei M, et al. 25(OH) D serum levels decline with age earlier in women than in men and less efficiently prevent compensatory hyperparathyroidism in older adults. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 2005; 60: 1414-9.
5. Webb AR, Pilbeam C, Hanafin N, Holick MF. An evaluation of the relative contribu-tions of exposure to sunlight and of diet to the circulating concentrations of 25-hy-droxyvitamin D in an elderly nursing home population in Boston. Am J Clin Nutr 1990; 51: 1075-81.
6. Petta S, Cammà C, Scazzone C, Tripodo C, Di Marco V, Bono A, et al. Low vitamin D serum level is related to severe fibrosis and low responsiveness to interferon-based therapy in genotype 1 chronic hepatitis C. Hepatology. 2010; 51: 1158-67.
7. Reichel H, Koeffler HP, Norman AW. The role of the vitamin D endocrine system in health and disease. N Engl J Med 1989; 320:
981-91.
8. Smith JE, Goodman DS. The turnover and transport of vitamin D and of a polar me-tabolite with the properties of 25-hydroxy-cholecalciferol in human plasma. J Clin
Invest 1971; 50: 2159-67.
9. Haddad JG, Rojanasathit S. Acute admin-istration of 25-hydroxycholecalciferol in man. J Clin Endocrinol Metab 1976; 42:
284-90.
10. Russo S, Carlucci L, Cipriani C, Ragno A, Piemonte S, Del Fiacco R, et al. Metabolic changes following 500 mcg monthly ad-ministration of calcidiol: a study in normal females. Calcif Tissue Int 2011; 89: 252-7.
11. Jones G. Why dialysis patients need com-bination therapy with both cholecalciferol and a calcitriol analogs. Semin Dial 2010;
23: 239-43.
12. Norman AW, Nemere I, Zhou LX, Bishop JE, Lowe KE, Maiyar AC. 1,25(OH)2D3, a steroid hormone that produces biologic effects via both genomic and nongenomic
pathways. J Steroid Biochem Mol Biol 1992; 41: 231-40.
13. Schott GD, Wills MR. Muscle weakness in osteomalacia. Lancet 1976; 1: 626-7.
14. Boland R. Role of vitamin D in skeletal muscle function. Endocr Rev 1986; 7: 434­48.
15. Mowè M, Haug E, B0hmer T. Low serum calcidiol concentration in older adults with reduced muscolar function. J Am Geriatr Soc 1999; 47: 220-6.
16. Bischoff HA, Stahelin HB, Urscheler N, Ehrsam R, Vonthein R, Perrig-Chiello P, et al. Muscle strength in the elderly: its rela­tion to vitamin D metabolites. Arch Phys Med Rehabil 1999; 80: 54-8.
17. Pfeifer M, Begerow B, Minne HW, Schlott-hauer T, Pospeschill M, Scholz M, et al. Vitamin D status, trunk muscle strength, body sway, falls, and fractures among 237 postmenopausal women with osteoporosis. Exp Clin Endocrinol Diabetes 2001; 109:
87-92.
18. Zamboni M, Zoico E, Tosoni P, Zivelonghi A, Bortolani A, Maggi S, et al. Relation between vitamin D, physical performance, and disability in elderly persons. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 2002; 57: M7-11.
19. Dhesi JK, Bearne LM, Moniz C, Hurley MV, Jackson SH, Swift CG, et al. Neu-romuscular and psychomotor function in elderly subjects who fall and the relation-ship with vitamin D status. J Bone Miner
Res 2002; 17: 891-7.
20. Visser M, Deeg DJ, Lips P. Longitudinal Aging Study Amsterdam. Low vitamin D and high parathyroid hormone levels as determinants of loss of muscle strength and muscle mass (sarcopenia): the Longitudinal Aging Study Amsterdam. J Clin Endocrinol
Metab 2003; 88: 5766-72.
21. Venning G. Recent developments in vitamin D deficiency and muscle weakness among elderly people. BMJ 2005; 330: 524-6.
22. Gerdhem P, Ringsberg KAM, Obrant KJ,
Akesson K. Association between 25-hy-droxy vitamin D levels, physical activity, muscle strength and fractures in the pro-spective population-based OPRA Study of Elderly Women. Osteoporos Int 2005; 16:
1425-31.
23. Houston DK, Cesari M, Ferrucci L, Cheru­bini A, Maggio D, Bartali B, et al. Associa-tion between vitamin D status and physical performance: the InCHIANTI study. J Ge-rontol A Biol Sci Med Sci. 2007; 62: 440-6.
24. Summary of the Updated American Geriat-ric Society/British Geriatrics Society Clini­cal Practice Guidelines for Prevention of Falls in Older Persons. J Am Geriatr Soc 2011; 59: 148-57.
25. Yoshikawa S, Nakamura T, Tanabe H, Ima-
142
Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
mura T. Osteomalacic myopathy. Endocri­nol Jpn 1979; 26: 65-72.
26. Bischoff HA, Stahelin HB, Dick W, Akos R, Knecht M, Salis C, et al. Effects of vitamin D and calcium supplementation on falls: a randomized controlled trial. J Bone Miner Res 2003; 18: 343-51.
27. Bischoff-Ferrari HA, Dawson-Hughes B, Willett WC, Staehelin HB, Bazemore MG, Zee RY, et al. Effect of vitamin D on falls.
JAMA 2004; 291: 1999-2006.
28. Bischoff-Ferrari HA, Dawson-Hughes B, Staehelin HB, Orav JE, Stuck AE, Theiler R, et al. Fall prevention with supplemental and active forms of vitamin D: a meta-analysis of randomised controlled trials. BMJ 2009;
339: b3692.
29. Dukas L, Bischoff HA, Lindpaintner LS, Schacht E, Birkner-Binder D, Damm TN, et al. Alfacalcidol reduces the number of fallers in a community-dwelling elderly population with a minimum calcium intake of more than 500 mg daily. J Am Geriatr Soc
2004; 52: 230-6.
30. Kalyani RR, Stein B, Valiyil R, Manno R, Maynard JW, Crews DC. Vitamin D treat­ment for the prevention of falls in older adults: systematic review and meta-analysis. J Am Geriatr Soc. 2010; 58: 1299-310.
31. McAlindon TE, Felson DT, Zhang Y, Hannan MT, Aliabadi P, Weissman B, et al. Relation of dietary intake and serum levels of vitamin D to progression of osteoarthritis of the knee among partecipants in the Framingham
Study. Ann Intern Med 1996; 125: 353-9.
32. Glowacki J, Hurwitz S, Thornhill TS, Kelly M, LeBoff MS. Osteoporosis and vitamin D deficiency among postmenopausal women with osteoarthritis undergoing total hip arthroplasty. J Bone Joint Surg 2003; 85:
2371-7.
33. Merlino LA, Curtis J, Mikuls TR, Cerhan JR, Criswell LA, Saag KG. Vitamin D in­take is inversely associated with rheumatoid arthritis: results from the Iowa Women's Health Study. Arthritis Rheum 2004; 50:
72-7.
34. Munger KL, Zhang SM, O'Reilly E, Hernan MA, Olek MJ, Willett WC, et al. Vitamin D intake and incidence of multiple sclerosis. Neurology 2004; 62: 60-5.
35. Grant WB, Garland CF. A critical review of studies on vitamin D in relation to colorectal
cancer. Nutr Cancer 2004; 48: 115-23.
36. Holick MF. Sunlight and vitamin D for bone health and prevention of autoimmune dis-eases, cancers, and cardiovascular disease. Am J Clin Nutr 2004; 80: 1678S-88S.
37. Holick MF. Vitamin D: importance in the prevention of cancers, type 1 diabetes, heart disease, and osteoporosis. Am J Clin Nutr
2004; 79: 362-71.
38. Holick MF. Clinical efficacy of 1,25- di-hydroxyvitamin D3 and analogues in the treatment of psoriasis. Retinoids 1998; 14:
12-7.
39. Guyton KZ, Kensler YW, Posner GH. Can-cer chemoprevention using natural vitamin D and synthetic analogs. Annu Rev Pharma-col Toxicol 2001; 41: 421-42.
40. Li Y, Kong J, Wei M, Chen ZF, Liu S, Cao
LP. 1,25- dihydroxyvitamin D3 is a negative endocrine regulator of the renin-angiotensin system. J Clin Invest 2002; 110: 229-38.
41. Hypponen E, Laara E, Jarvelin MR, Vir-tanen SM. Intake of vitamin D and risk of type 1 diabetes: a birth-cohort study. Lancet
2001; 358: 1500-3.
42. Binkley N, Krueger DC, Morgan S, Wiebe D. Current status of clinical 25-hydroxy-vitamin D measurement: an assessment of between-laboratory agreement. Clin Chim Acta 2010; 14: 1976-82.
43. Heaney RP. Functional indices of vitamin D status and ramifications of vitamin D de-ficiency. Am J Clin Nutr 2004; 80 (Suppl.)
1706S-9S.
44. Chapuy MC, Preziosi P, Maamer M, Arnaud S, Galan P, Hercberg S, et al. Prevalence of vitamin D insufficiency in an adult normal population. Osteoporos Int 1997; 7: 439-43.
45. Durazo-Arvizu RA, Dawson-Hughes B, Sempos CT, Yetley EA, Looker AC, Cao G, et al. Three-phase model harmonizes estimates of the maximal suppression of parathyroid hormone by 25-hydroxyvitamin D in persons 65 years of age and older. J Nutr 2010; 140: 595-9.
46. Adami S, Viapiana O, Gatti D, Idolazzi L, Rossini M. Relationship between serum parathyroid hormone, vitamin D sufficiency, age, and calcium intake. Bone 2008; 42:
267-70.
47. Carnevale V, Nieddu L, Romagnoli E, Batti­sta C, Mascia ML, Chiodini I, et al. Regula-tion of PTH secretion by 25-hydroxyvitamin D and ionized calcium depends on vitamin D status: a study in a large cohort of healthy subjects. Bone 2010; 47: 626-30.
48. Bischoff- Ferrari HA, Dietrich T, Orav EJ, Dawson-Hughes B. Positive association between 25-hydroxy vitamin D levels and bone mineral density: a population-based study of younger and older adults. Am J Med 2004; 116: 634-9.
49. Bischoff-Ferrari HA, Kiel DP, Dawson-Hughes B, Orav JE, Li R, Spiegelman D, et al. Dietary calcium and serum 25-hydroxy-vitamin D status in relation to BMD among U.S. adults. J Bone Miner Res 2009; 24:
935-42.
50. Bischoff-Ferrari HA, Giovannucci E, Wil­lett WC, Dietrich T, Dawson-Hughes B. Estimation of optimal serum concentrations
Reumatismo 3/2011
143
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
of 25-hydroxyvitamin D for multiple health outcomes. Am J Clin Nutr 2006; 84:18-28.
51. Ross AC, Taylor CL, Yaktine AL, Del Valle HB, Editors; Committee to Review Dietary Reference Intakes for Vitamin D and Cal-
cium; Institute of Medicine. ISBN: 0-309­16395-1, 482 pages. National Academics
Press 2010.
52. Priemel M, von Domarus C, Klatte TO, Kes-sler S, Schlie J, Meier S, et al. Bone miner-alization defects and vitamin D deficiency: histomorphometric analysis of iliac crest bone biopsies and circulating 25-hydroxyvi-tamin D in 675 patients. J Bone Miner Res
2010; 25: 305-12.
53. Flicker L, MacInnis RJ, Stein MS, Scherer SC, Mead KE, Nowson CA, et al. Should older people in residential care receive vitamin D to prevent falls? Results of a randomized trial. J Am Geriatr Soc 2005;
53: 1881-8.
54. Grant AM, Avenell A, Campbell MK, Mc­Donald AM, MacLennan GS, McPherson GC, et al; RECORD Trial Group. Oral vitamin D3 and calcium for secondary pre­vention of low-trauma fractures in elderly people (Randomised Evaluation of Calcium Or vitamin D, RECORD): a randomised placebo-controlled trial. Lancet 2005; 365:
1621-8.
55. Papadimitropoulos E, Wells G, Shea B, Gillespie W, Weaver B, Zytaruk N, et al; Osteoporosis Methodology Group and The Osteoporosis Research Advisory Group. Meta-analysis of the efficacy of vitamin D treatment in preventing osteoporosis in postmenopausal women. Endocr Rev 2002;
23: 560-9.
56. Porthouse J, Cockayne S, King C, Saxon L, Steele E, Aspray T, et al. Randomised controlled trial of calcium and supplemen-tation with cholecalciferol (vitamin D3) for prevention of fractures in primary care. BMJ
2005; 330: 1003-9.
57. Trivedi DP, Doll R, Khaw KT. Effect of four monthly oral vitamin D3 (cholecalciferol) supplementation on fractures and mortality in men and women living in the community: randomised double blind controlled trial.
BMJ 2003; 326: 469-72.
58. LeBoff MS, Kohlmeier L, Hurwitz S, Fran­klin J, Wright J, Glowacki J. Occult vitamin D deficiency in postmenopausal US women
with acute hip fracture. JAMA 1999; 281: 1505-11.
59. Nuti R, Martini G, Valenti R, Gambera D, Gennari L, Salvadori S, et al. Vitamin D sta­tus and bone turnover in women with acute hip fracture. Clin Orthop Relat Res 2004;
422: 208-13.
60. Melhus H, Snellman G, Gedeborg R, By-berg L, Berglund L, Mallmin H, et al. Plas-
ma 25-hydroxyvitamin D levels and fracture risk in a community-based cohort of elderly men in Sweden. J Clin Endocrinol Metab
2010; 95: 2637-45.
61. Lips P, Obrant KJ. The pathogenesis and treatment of hip fractures. Osteoporos Int
1991: 1: 218-31.
62. Cauley JA, Lacroix AZ, Wu L, Horwitz M, Danielson ME, Bauer DC, et al. Serum 25-hydroxyvitamin D concentrations and risk for hip fractures. Ann Intern Med 2008;
49: 242-50.
63. Looker AC, Mussolino ME. Serum 25-hy-droxyvitamin D and hip fracture risk in older U.S. white adults. J Bone Miner Res 2008; 23: 143-50.
64. van Schoor NM, Visser M, Pluijm SM,
Kuchuk N, Smit JH, Lips P. Vitamin D
deficiency as a risk factor for osteoporotic
fractures. Bone 2008; 42: 260-6.
65. Cauley JA, Parimi N, Ensrud KE, Bauer DC, Cawthon PM, Cummings SR, et al; Osteoporotic Fractures in Men (MrOS) Re­search Group. Serum 25 hydroxyvitamin D and the risk of hip and non-spine fractures in older men. J Bone Miner Res 2010; 25:
545-53.
66. Heaney RP, Holick MF. Why the IOM rec-ommendations for Vitamin D are deficient. J Bone Miner Res 2011; 26: 455-57.
67. Bischoff-Ferrari HA, Willett WC, Wong JB, Stuck AE, Staehelin HB, Orav EJ, et al. Prevention of nonvertebral fractures with oral vitamin D and dose dependency: a meta-analysis of randomized controlled trials. Arch Intern Med 2009; 169: 551-61.
68. Steingrimsdottir L, Gunnarsson O, In-dridason OS, Franzson L, Sigurdsson G. Relationship between serum parathyroid hormone levels, vitamin D sufficiency, and calcium intake. JAMA 2005; 294: 2336-41.
69. Ebeling PR, Sandgren ME, Di Magno EP, Lane AW, De Luca HF, Riggs BL. Evidence of an age-related decrease in intestinal re-sponsiveness to vitamin D: relationship between serum 1,25- dihydroxyvitamin D3 and intestinal vitamin D receptor concentra-tion in normal women. J Clin Endocrinol
Metab 1992; 75: 176-82.
70. Slovik DM, Adams JS, Neer RM, Holick MF, Potts JT. Deficient production of 1,25-dihydroxyvitamin D in elderly oste-oporotic patients. N Engl J Med 1981; 305:
372-4.
71. Riggs BL, Hamstra A, De Luca HF. As­s es s ment of 25 hydro xyvitamin D 1a-hydroxylase reserve in postmenopausal osteoporosis by administration of parathy-roid extract. J Clin Endocrinol Metab 1981;
53: 833-5.
72. Isaia G, Giorgino R, Rini GB, Bevilacqua M, Maugeri D, Adami S. Prevalence of
144 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
hypovitaminosis D in elderly women in Italy: clinical consequences and risk factors. Osteoporos Int 2003; 14: 577-82.
73. Rossini M, Mattarei A, Braga V, Viapiana O, Zambarda C, Benini C, et al. Risk factors for hip fracture in elderly persons. Reumatismo.
2010; 62: 273-82.
74. Holick MF. Vitamin D deficiency. N Engl J
Med 2007; 357: 266-81.
75. Bilke DD. Vitamin D: newly discovered ac-tions require reconsideration of physiologic requirements. Trends Endocrinol Metab 2010; 21: 375-84.
76. Gallagher JC, Sai AJ. Vitamin D insuffi­ciency, deficiency, and bone health. J Clin Endocrinol Metab 2010; 95: 2630-3.
77. Sai AJ, Walters RW, Fang X, Gallagher JC. Relationship between vitamin D, par-athyroid hormone, and bone health. J Clin Endocrinol Metab 2011; 96: E436-46.
78. Rossini M, Perbellini S, Lazzarin M, Adami S, Bertoldo F, Lo Cascio V. Incidenza di ipovitaminosi D nel Nord Italia. It J Min Elect Metab 1990; 4: 13-7.
79. Van der Wielen RPJ, Lowik MRH,Van den Berg H, De Groot LCPGM, Haller J, Morei-ras O, et al. Serum vitamin D concentrations among elderly people in Europe The Lancet, 1995; 345: 207-10.
80. Bettica P, Bevilacqua M, Vago T, Norbiato G. High prevalence of hypovitaminosis D among free-living postmenopausal women referred to an osteoporosis outpatient clinic in northern Italy for initial screening. Oste-
oporos Int 1999; 9: 226-9.
81. Carnevale V, Modoni S, Pileri M, Di Giorgio A, Chiodini I, Minisola S, et al. Longitudi­nal evaluation of vitamin D status in healthy subjects from southern Italy: seasonal and gender differences. Osteoporos Int 2001;
12: 1026-30.
82. Lips P, Duong T, Oleksik A, Black D, Cum-mings S, Cox D, et al. A global study of vitamin D status and parathyroid function in postmenopausal women with osteoporosis: baseline data from the Multiple Outcomes of Raloxifene Evaluation clinical trial. J Clin Endocrinol Metab 2001; 86: 1212-21.
83. Romagnoli E, Caravella P, Scarnecchia L, Martinez P, Minisola S. Hypovitaminosis D in an Italian population of healthy subjects and hospitalized patients. Br J Nutr 1999;
81: 133-7.
84. Giusti A, Barone A, Razzano M, Pizzonia M, Oliveri M, Palummeri E, et al. High preva­lence of secondary hyperparathyroidism due to hypovitaminosis D in hospitalized elderly with and without hip fracture. J Endocrinol
Invest 2006; 29: 809-13.
85. Passeri G, Pini G, Troiano L, Vescovini R, Sansoni P, Passeri M, et al. Low vitamin D status, high bone turnover, and bone
fractures in centenarians. J Clin Endocrinol Metab 2003; 88: 5109-15.
86. Muscarella S, Filabozzi P, D'Amico G, Mascia ML, Annese MA, Scillitani A, et al. Vitamin D status in inpatients admitted to an internal medicine department. Horm Res
2006; 66: 216-20.
87. Kuchuk NO, van Schoor NM, Pluijm SM, Chines A, Lips P. Vitamin D status, para-thyroid function, bone turnover, and BMD in postmenopausal women with osteoporo­sis: global perspective. J Bone Miner Res.
2009; 24: 693-701.
88. Chapuy MC, Arlot ME, Duboeuf F, Brun J, Crouzet B, Arnaud S, et al. Vitamin D3 and calcium to prevent hip fractures in the elderly women. N Engl J Med 1992; 327:
1637-42.
89. Chapuy MC, Arlot ME, Delmas PD, Meuni-er PJ. Effect of calcium and cholecalciferol treatment for three years on hip fractures in elderly women. BMJ 1994; 308: 1081-2.
90. Rossini M, Alberti V, Flor L, Masiero L, Giannini S, Gatti D, et al. Effect of oral vitamin D2 yearly bolus on hip fracture risk in elderly women: a community primary prevention study. Aging Clin Exp Res 2004;
16: 432-6.
91. Giusti A, Barone A, Razzano M, Oliveri M, Pizzonia M, Palummeri E, et al. Persistence with calcium and vitamin D in elderly pa­tients after hip fracture. J Bone Miner Metab
2009; 27: 95-100.
92. Carnevale V, Nieddu L, Romagnoli E, Bona E, Piemonte S, Scillitani A, et al. Oste­oporosis intervention in ambulatory patients with previous hip fracture: a multicentric, nationwide Italian survey. Osteoporos Int
2006; 17: 478-83.
93. Adami S, Isaia G, Luisetto G, Minisola S, Sinigaglia L, Gentilella R, et al; ICARO Study Group. Fracture incidence and char-acterization in patients on osteoporosis treatment: the ICARO study. J Bone Miner
Res 2006; 21: 1565-70.
94. Adami S, Isaia G, Luisetto G, Minisola S, Sinigaglia L, Silvestri S, et al; ICARO Study Group. Osteoporosis treatment and fracture incidence: the ICARO longitudinal study.
Osteoporos Int 2008; 19: 1219-23.
95. Adami S, Giannini S, Bianchi G, Sinigaglia L, Di Munno O, Fiore CE, et al. Vitamin D status and response to treatment in post-menopausal osteoporosis. Osteoporos Int
2009; 20: 239-44.
96. Adami S, Bertoldo F, Braga V, Fracassi E, Gatti D, Gandolini G, et al. 25-hydroxy vitamin D levels in healthy premenopausal women: association with bone turnover markers and bone mineral density. Bone
2009; 45: 423-6.
97. Heaney RP, Davies KM, Chen TC, Holick
Reumatismo 3/2011 145
RASSEGNA
S. Adami, E. Romagnoli, V. Carnevale, et al.
MF, Barger-Lux MJ. Human serum 25-hy-droxycholecalciferol response to extended oral dosing with cholecalciferol. Am J Clin
Nutr 2003; 77: 204-10.
98. Giusti A, Barone A, Pioli G, Girasole G, Razzano M, Pizzonia M, et al. Heterogene-ity in serum 25-hydroxy-vitamin D response to cholecalciferol in elderly women with secondary hyperparathyroidism and vitamin D deficiency. J Am Geriatr Soc. 2010; 58:
1489-95.
99. Wortsman J, Matsuoka LY, Chen TC, Lu
Z, Holick MF. Decreased bioavailability of vitamin D in obesity. Am J Clin Nutr 2000;
72: 690-3.
100. Harris SS, Dawson-Hughes B. The associa-tion of oral contraceptive use with plasma 25-hydroxyvitamin D levels. J Am Coll Nutr
1998; 17: 282-4.
101. Harris SS, Dawson-Hughes B. Plasma vita-min D and 25OHD responses of young and old men to supplementation with vitamin D3. J Am Coll Nutr 2002; 21: 357-62.
102. Boonen S, Lips P, Bouillon R, Bischoff-Ferrari HA, Vanderschueren D, Haentjens P. Need for additional calcium to reduce the risk of hip fracture with vitamin d sup-plementation: evidence from a compara­tive metaanalysis of randomized controlled trials. J Clin Endocrinol Metab 2007; 92:
1415-23.
103. Premaor MO, Scalco R, da Silva MJ, Froeh-lich PE, Furlanetto TW. The effect of a single dose versus a daily dose of cholecal­ciferol on the serum 25-hydroxycholecalcif-erol and parathyroid hormone levels in the elderly with secondary hyperparathyroidism living in a low-income housing unit. J Bone
Miner Metab 2008; 26: 603-8.
104. Leidig-Bruckner G, Roth HJ, Bruckner T, Lorenz A, Raue F, Frank-Raue K. Are com-monly recommended dosages for vitamin D supplementation too low? Vitamin D status and effects of supplementation on serum 25-hydroxyvitamin D levels—an observa-tional study during clinical practice condi-tions. Osteoporos Int 2011; 22: 231-40.
105. Bischoff-Ferrari HA, Shao A, Dawson-Hughes B, Hathcock J, Giovannucci E, Wil­lett WC. Benefit-risk assessment of vitamin D supplementation. Osteoporos Int 2010;
21: 1121-32.
106. Vieth R. Why the optimal requirement for vitamin D3 is probably much higher than what is officially recommended for adults. J Ster Biochem Mol Bio 2004; 89-90: 575-9.
107. Bailey RL, Dodd KW, Goldman JA, Gahche JJ, Dwyer JT, Moshfegh AJ, et al. Estima-tion of total usual calcium and vitamin D intake in the United States. J Nutr 2010; 140: 817-22.
108. Calvo MS, Whiting SJ. Determinants of vi-
tamin D intake. From: Nutrition and Health: vitamin D. Holick MF ed. Springer Science + Business Media, LLC 2010.
109. Whiting SJ, Green TJ, Calvo MS. Vitamin D intakes in North America and Asia-Pacific countries are not sufficient to prevent vita-min D insufficiency. J Steroid Biochem Mol Biol 2007; 103: 626-30.
110. Rossini M, Viapiana O, Gatti D, James G, Girardello S, Adami S. La correzione dell'ipovitaminosi D nel lungo termine: confronto tra diverse modalità di somminis­trazione di vitamina D nella pratica clinica. Minerva Med 2005; 96 (Suppl 1): 1-7.
111. Chel V, Wijnhoven HA, Smit JH, Ooms M, Lips P. Efficacy of different doses and time intervals of oral vitamin D supplementation with or without calcium in elderly nursing home residents. Osteoporos Int 2008; 19:
663-71.
112. Sanders KM, Stuart AL, Williamson EJ, Simpson JA, Kotowicz MA, Young D, et al. Annual high-dose oral vitamin D and falls and fractures in older women: a randomized controlled trial. JAMA 2010; 303: 1815-22.
113. Gartner LM, Greer FR; Section on Breast-feeding and Committee on Nutrition. Amer­ican Academy of Pediatrics. Prevention of rickets and vitamin D deficiency: new guidelines for vitamin D intake. Pediatrics 2003; 111: 908-10.
114. Standing Committee on the Scientific Eval-uation of Dietary Reference Intakes, Food and Nutrition Board, Institute of Medicine, National Academy of Sciences. Dietary reference intakes for calcium, phosphorus, magnesium, vitamin D, and fluoride. Wash­ington, DC: National Academy Press 2000.
115. Bacon CJ, Gamble GD, Horne AM, Scott MA, Reid IR. High-dose oral vitamin D3 supplementation in the elderly. Osteoporos Int 2009; 20: 1407-15.
116. Romagnoli E, Mascia ML, Cipriani C, Fassino V, Mazzei F, D'Erasmo E, et al. Short and long-term variations in serum calciotropic hormones after a single very large dose of ergocalciferol (vitamin D2) or cholecalciferol (vitamin D3) in the elderly. J Clin Endocrinol Metab 2008; 93: 3015-20.
117. Heaney RP, Recker RR, Grote J, Horst RL,
Armas LAG. Vitamin D3 is more potent than vitamin D2 in humans. J Clin Endocrinol Metab 2011; 96: E447-52.
118. Ilahi M, Armas LAG, Heaney RP. Pharma-cokinetics of a single, large dose of vitamin D3. Am J Clin Nutr 2008; 87: 688-91.
119. Cipriani C, Romagnoli E, Scillitani A, Chiodini I, Clerico R, Carnevale V, et al. Effect of a single oral dose of 600,000 IU of cholecalciferol on serum calciotropic hormones in young subjects with vitamin D deficiency: a prospective intervention study.
146 Reumatismo 3/2011
Linee guida su prevenzione e trattamento dell'ipovitaminosi D con colecalciferolo
RASSEGNA
J Clin Endocrinol Metab 2010; 95: 4771-7.
120. Hollis BW, Wagner CL. Vitamin D require-ments during lactation: high-dose maternal supplementation as therapy to prevent hy-povitaminosis D for both the mother and the nursing infant. Am J Clin Nutr 2004; 80 (Suppl): 1752S- 8S.
121. Federal Food, Drug, and Cosmetic Act of 1980. 21 USC §321.
122. Antia AU, Wiltse HE, Rowe RD, Pitt EL, Levin S, Ottesen OE, et al. Pathogenesis of the supravalvular aortic stenosis syndrome. J Pediatr 1967; 71: 431-41.
123. Seelig M. Vitamin D and cardiovascular, renal and brain damage in infancy and child-hood. Ann N Y Acad Sci 1969; 147: 537-82.
124. Aravena T, Castillo S, Carrasco X, Mena I, López J, Rojas JP, et al. Williams syndrome: clinical, cytogenetic, neurophysiological and neuroanatomic study. Rev Med Child
2002; 130: 631-7.
125. Specker B. Vitamin D requirements dur-ing pregnancy. Am J Clin Nutr 2004; 80 (6 suppl): 1740S-7S.
126. Rosen CJ. Vitamin D insufficiency. N Engl J Med 2011; 364: 248-54.
Reumatismo 3/2011 147

- - - - - - - -

See also VitaminDWiki



Page visited 6,025 times. Last modified 10 November, 2012 . URL:
Print Follow this page for updates Follow this page for updates.
List of attached files
ID Name desc uploaded Size Downloads Actions
1268 pdf Guidelines 2011.pdf PDF Italian 24 Apr., 2012 by admin 1.31 Mb 242 View Download  
See any problem with this page? Report it to the webmaster.

Health Problems and D

  # of studies as of 11/24/14